Attivismo contemplativo

C’è una voce che non usa le parole. Ascolta
Compiere un gesto amichevole, offrire un servizio o prestare attenzione, ascoltare profondamente sono offerte che in alcune situazioni possono essere più importanti di oggetti materiali. Uno dei benefici a lungo termine è che attraverso la generosità cominciamo a rendere felici i rapporti.
Il senso di sviluppare una connessione attraverso i valori conduce ad un’apertura del cuore, perché condividiamo con gli altri e ci sosteniamo a vicenda.

Intuire la bellezza di fare un’offerta spontaneamente manda all’aria la mente giudicante dell’uguale, giusto, meritevole. Si dice infatti che il più elevato tipo di dana (dono) si abbia allorché una persona degna da’ qualcosa a un’altra persona degna. È importante coltivare il dare alle persone sagge, perché sostiene chi può a sua volta sostenere molti altri. Così i saggi entrano a far parte del nostro tempio di consapevolezza e sostengono la nostra coscienza.

La generosità è parte essenziale della pratica. È il primo dei sei atteggiamenti di vasta portata (paramita) del bodhisattva. Il vero spirito del dare non è diretto verso gli altri, ma anche verso sé stessi.
L’idea è quella di mettere in contatto chi ha la possibilità di donare con chi si trova nella possibilità di ricevere e ha prioritariamente l’intento di SOSTENERE CHI SOSTIENE.
L’intento principale della pratica di servizio è sviluppare la cura e la sollecitudine. Il termine è spesso usato come sinonimo di attenzione-consapevolezza. L’autentica consapevolezza è animata da sollecitudine e cura. L’attenzione contemplativa per essere trasformante,deve esprimere l’abilità di incontrare qualunque cosa emerge di momento in momento con totale presenza e cuore aperto. La cura ci consente di osservare la propria mente nel bel mezzo del turbamento lasciando spazio alla nascita di qualità fondamentali come la saggezza.

Sostenere chi sostiene

Sono benvenuti e invitati a partecipare e a contribuire al Progetto PienEssere, sostenendo chi sostiene tutti coloro che si sono formati in modo continuativo nell’Associazione Mudita alla Mindfulness in relazione avanzata in questi ultimi 15 anni, sono invitati a contribuire coloro che conoscono la Mindfulness in relazione e transpersonale, gli insegnanti di Dharma, gli insegnanti di pratiche corporee di consapevolezza e tutti coloro che attraverso la loro professione cercano di incarnare il Dharma.
Prerequisito fondamentale è aver fatto un significativo lavoro su di sé, avere una regolare pratica e sentire una motivazione profonda a donare e a donarsi.

Come aderire

Chi fosse interessato può contattarci attraverso l’apposito modulo e compilare il questionario di candidatura per entrare in Associazione.